Solania

Solania è stata fondata nel 1993 da Giuseppe Napoletano, amministratore unico. L’azienda nasce con alla base un’idea vincente: quella di coltivare, produrre e trasformare un’unica varietà di pomodoro, il San Marzano, dal momento che l’azienda ha sede proprio nel cuore di una delle zone di coltivazione del pomodoro a marchio DOP: l’agro sarnese-nocerino. Negli anni, la gamma di prodottisi è allargata: infatti, oggi si coltivano, trasformano e confezionano anche pomodori pelati, polpa di pomodoro, passate, pelati gialli e, gli ultimi arrivati, pomodoro pelato al forno e pomodori secchi. Ad oggi l’azienda è distribuita sul territorio nazionale ed estero con punte d’eccellenza negli Stati Uniti, Giappone e Australia sia a marchio proprio che per conto terzi.

Solania si fonda su valori quali autenticità, qualità, controllo e sicurezza del prodotto in un’ottica che incontra le esigenze dei consumatori, ristoratori e pizzaioli sempre più attenti a ciò che portano in tavola. La sua mission è valorizzare il pomodoro campanoseguendo un rigido programma di filiera controllata e certificata che consente di tracciare l’intero percorso del prodotto. Questo, insieme alla cura nella selezione delle materie prime, all’oculatezza nello sviluppare costantemente obiettivi competitivi ha portato nel tempo l’azienda a sviluppare un knowhow differenziato che la rende una delle prime aziende leader nel settore. Il CEO aziendale definisce Solania “un’azienda che cresce ancora”. Infatti, se nel 1993 Giuseppe Napoletano ha iniziato l’attività in un piccolo stabilimento, oggi l’azienda dispone di ben tre stabilimenti dislocati nella provincia di Salerno all’interno dei quali tutti gli sforzi sono orientati verso la produzione e verso l’innovazione tecnologica degli impianti.

Chi si affida a Solania sa di poter contare su un’azienda strutturata che ha a cuore i bisogni dei suoi clienti. Testimone di ciò è il progetto “Il Mio San Marzano”, un’iniziativa creata dall’azienda e focalizzata sull’esigenze di chef e pizzaioli che vogliono identificarsi in un prodotto di cui possono avere controllo dalla semina alla raccolta. Il progetto, infatti, dà la possibilità alla comunità di ristoratori e protagonisti del mondo Ho.Re.Ca di scegliere una particella di terreno e di verificare tutto il processo che porta alla confezione su cui sarà apposta un’etichetta personalizzata.



Partner

Partner

50 Top Social