rassegna stampa

Il Mondo della Pizza

Rassegna Stampa Internazionale nr. 48/2019 – dal 13 al 24 giugno 2019

La nostra rassegna stampa offre una panoramica sul mondo della pizza: novità, curiosità, nuove aperture, consigli e tanto altro per restare in continuo aggiornamento.

Vediamo insieme quello di cui si è parlato all’estero dal 13 al 24 giugno 2019:

 

A cura di Bruna Sapere

 

Tra i 5 indirizzi più popolari del quartiere Camelback East di Phoenix, in Arizona, c’è The Parlor, definito dal magazine USA Today una delle 25 migliori pizzerie d’America, che prepara la pizza con salsiccia considerata la versione più gustosa dell’Arizona. A West Hollywood apre Pizzana WeHo. Già presente a Brentwood, il ristorante propone pizze tra le più buone al mondo secondo il critico del Los Angeles Times, Jonathan Gold. Il pizzaiolo Daniele Uditi, nato a Napoli, anche a West Hollywood adotterà la stessa formula che ha reso Pizzana così popolare: farine biologiche italiane macinate a pietra e maturazione lenta fino a 48 ore. Washington, che negli ultimi 5 anni ha visto un consolidamento dello stile napoletano grazie a quegli chef che si sono dedicati ad approfondimenti su tecniche e prodotti, ora sta ampliando il proprio panorama gastronomico con l’arrivo di 16 nuove pizzerie dai più svariati stili, dal siciliano in padella di Sonny’s Pizza, all’ultra sottile di Stellina o all’american way  – che ricorda le pizze di Domino’s – di Nicoletta Italian Kitchen, passando per lo stile romano di Sliced at Pendleton Carryout.

Le pizze di Pizzana WeHo

Le pizze di Pizzana WeHo

HoodlineCheck out the 5 most popular spots in Phoenix’s Camelback East neighborhood

Eater Los Angeles Pizzana Looks to Power Up West Hollywood’s Slice Scene

The Hollywood ReporterChris O’Donnell on His Restaurant Pizzana, Now Open in West Hollywood

WashingtonianThe Five Best New Pizza Places, Ranked

 

Teatro Terrasse è un punto di riferimento sicuro per gustare un’ottima pizza a Oslo. La sua nuova location si affaccia su Aker Brygge e sul nuovo Museo Nazionale. Nel menu compaiono combinazioni di sapori innovativi, abbinate alla solida arte della pizza. In Spagna, invece, si possono consultare i consigli di Esquire sulle 10 pizzerie preferite dalla redazione che includono la new entry Mister O1 Extraordinary Pizza e la sua famosa stella dalle punte ripiene, ma anche La Balmesina di Barcellona, che grazie ai suoi ingredienti freschi e di stagione su tre tipi differenti di impasto si è aggiudicata il 38° posto nella nostra classifica 50 Top Europe 2019 e Grosso Napoletano a Madrid, al 21° posto, che ha ben 5 sedi nella capitale dove serve l’autentica ricetta napoletana.

La pizza di Grosso Napoletano

La pizza di Grosso Napoletano

Dagbladet – Pizza og vin blir knapt bedre enn dette

EsquireLas 10 mejores pizzerías de España (o por lo menos, nuestras preferidas)

 

• La novità gastronomica di Valinhos, in Brasile, è Speck Cucina e Pizza con le sue ricette classiche italiane e piatti d’autore dello chef Jurandir Meirelles. Il nuovo ristorante, progettato dalla famiglia Munck per celebrare il buon cibo, vanta prodotti freschi e accuratamente selezionati su impasti artigianali a lunga maturazione. Restando in Brasile, invece, a conquistare la scena di Minas Gerais è La “pizza funda” di Giaco Pizzaria, che si ispira ai modelli nordamericani, in particolar modo alla deep dish pizza,  nata dalla passione di Fred Giacomini, dopo aver vissuto a lungo a Chicago.

La “pizza funda” di Giaco Pizzaria

La “pizza funda” di Giaco Pizzaria

Jornal Terceira  Jtv VisaoSpeck Cucina e Pizza é a novidade gastronômica em Valinhos

CulturadoriaPizza funda da Giaco conquista público mineiro

 

Fino a qualche anno fa era impensabile trovare una pizza degna di nota in Israele. Una maggiore disponibilità di materie prime di alta qualità e una nuova consapevolezza su ciò che sia veramente il buon cibo hanno permesso la diffusione di pizze di ispirazione napoletana, romana, newyorkese. Tra gli 11 indirizzi da non perdere compaiono: Fresca Pizzeria Napoletana, dotata di un forno a legna importato da Napoli, che propone un menu incentrato esclusivamente su ottime pizze a lievitazione naturale, vini italiani, birra, cocktail e dessert; Craft Pizza Jerusalem e il suo stile newyorkese, i cui proprietari David e Miri Kaplan hanno appreso dal maestro Tony Gemignani all’International School of Pizza; Caldo Art Pizza Bar, e la sua pizza gourmet – probabilmente la migliore del Negev – in un menu con 70 combinazioni diverse.

Fresca Pizzeria Napoletana

Fresca Pizzeria Napoletana

ISRAEL21c11 of the best pizza parlors in Israel

 

• Secondo il quotidiano britannico The Independent, Napoli – terza città italiana più visitata, dopo Roma e Milano – è sempre stata meta turistica semplicemente come trampolino di lancio verso la vicina Costiera Amalfitana, o per le meraviglie archeologiche di Pompei, non riuscendo a convincere i visitatori a “vagare per le sue stradine strette, a fare tappa nelle sue chiese storiche o addirittura a stare quel tanto che basta per assaggiare una fetta della sua leggendaria pizza”. Sempre secondo The Independent la situazione sta cambiando ed elenca 10 motivi per visitare Napoli quest’estate, tra i quali assaggiare la pizza della Pizzaria la Notizia in Via Michelangelo da Caravaggio, descritta per l’occasione un vero e proprio miracolo: quello di mangiare una tra le più buone al mondo a prezzi economici.

Napoli

Napoli

IndependentWhy you should visit Naples this summer


partner
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: