rassegna stampa

Rassegna stampa sul mondo della pizza in Italia – nr. 18 dal 26 febbraio al 4 marzo 2019

La nostra rassegna stampa offre una panoramica sul mondo della pizza: novità, curiosità, nuove aperture, consigli e tanto altro per restare in continuo aggiornamento.

Vediamo insieme quello di cui si è parlato in Italia dal 26 febbraio al 4 marzo 2019:

 

A cura di Bruna Sapere

 

Bufala o fiordilatte? Luciano Pignataro ci spiega che, in realtà, la tradizione vera prevede il fiordilatte e una spolverata di parmigiano. Il sopravvento della mozzarella di bufala è andata di pari passo con il successo della pizza napoletana. Dopo alcuni anni di declino, anche il fiordilatte ha conosciuto un processo di miglioramento qualitativo grazie alla dop di Agerola e sta tornando ad essere competitivo. In entrambi i casi, sempre più frequente è l’abbinamento con il Prosecco DOC, promosso in molte pizzerie come, ad esempio, Criscito’S in costiera amalfitana. Qui la pizza si differenzia dalla tradizionale napoletana per la maggiore croccantezza del cornicione e per l’utilizzo dei prodotti dell’orto di casa a Maiori.

La pizza di di Criscito’s in abbinamento al Prosecco DOC

La pizza di di Criscito’s in abbinamento al Prosecco DOC

Luciano Pignataro Wine&Food BlogL’eterno derby sulla pizza napoletana. Meglio la mozzarella di bufala o il fiordilatte?

GastronautaPizza e Prosecco: l’abbinamento di Claudio Criscuolo

 

• Quali sono i punti fondamentali da considerare per la realizzazione di una buona pizza gourmet? Fine Dining Lovers lo ha chiesto a Giacomo Devoto e Giuseppe Messina, che lavorano fianco a fianco nel loro ristorante pizzeria di Sarzana Officine del Cibo. Cinque gli aspetti principali venuti fuori: la scelta dei prodotti, la giusta lievitazione, la cottura, l’impiego di legna di qualità e l’esperienza. Gambero Rosso prosegue con la raccolta delle mini-guide stilate dagli stessi pizzaioli. Questa volta tocca a Milano. Esclusi volutamente gli artigiani napoletani che hanno aperto filiali nel capoluogo lombardo.

Pizza della Pizzeria Da Zero a Milano

Pizza della Pizzeria Da Zero a Milano

Fine Dining LoversCome si prepara la pizza gourmet? I 5 consigli dei mastri pizzaioli

Gambero RossoGuida delle migliori pizzerie di Milano e dintorni fatta dai pizzaioli di Milano

 

• La pizza è diventata uno dei simboli della Milano gastronomica. Ciò ha incoraggiato nuove aperture che contano di fare la differenza, come la neo proposta, dalle forme più insolite, di Così fa Antonino Esposito. I vari bouquet, quadrotti, barche, ciambelle, non rappresentano un esercizio di stile, ma sono pensati per esaltare al meglio gli ingredienti delle farciture, provenienti soprattutto dalla penisola sorrentina. Antonino Esposito, già titolare del ristorante Acqu’ e Sale a Sorrento, nel suo nuovo locale propone un angolo dedicato alla mixology. Anche realtà consolidate sono invogliate a crescere a ritmi incalzanti come Spontini, bottega di pizza al trancio trasformato in catena a partire dal 2008, con il secondo ristorante di Viale Papiniano, a pochi passi da piazza Sant’Agostino. Oggi Spontini include 30 ristoranti, tra i quali 4 in Giappone e uno in Kuwait, e punta ad arrivare a 100 nei prossimi 5 anni, tra gestione diretta e franchising.

La pizza di Così fa Antonino Esposito

La pizza di Così fa Antonino Esposito

Vanity FairCosì fa Antonino Esposito: a Milano arriva la nuova pizza (in tutti i modi e con ogni drink)

Il GiornoMilano, Spontini porta la pizza della città nel mondo: obiettivo 100 ristoranti in 5 anni

 

• Che sia romana o napoletana, la pizza tonda a Roma conquista tutti. A Piazza Augusto Imperatore, a due passi da via del Corso, c’è la nuovissima Lievito Madre-Gino Sorbillo, caratterizzata dai colori e i motivi tipici delle sue pizzerie napoletane. Piastrelle bianche e blu, decorazioni mediterranee, canzoni classiche partenopee e il numero 7 al centro dell’intero menu: 7 pizze, 7 birre, 7 bibite, 7 vini, 7 dolci, 7 liquori. In via della Pisana e in via Giovanni De Calvi a Monteverde, Pane e Tempesta – celebre bottega del gusto della capitale – amplia la sua offerta inserendo, oltre alla pizza in pala, anche la pizza tonda, leggera e croccante, realizzata da Omar Abdel Fattah. Materie prime di qualità e lievitazione 24h per un prodotto che spazia dagli intramontabili gusti classici a versioni sempre nuove e bene abbinate, frutto della creatività e dell’abilità di Omar.

Le pizze tonde di Pane e Tempesta

Le pizze tonde di Pane e Tempesta

Luciano Pignataro Wine&Food BlogSiamo stati da Gino Sorbillo a Roma: ecco le nostre impressioni da clienti come voi

Roma TodayE’ arrivata la pizza tonda di Pane e Tempesta

 

• La Pizza Da Gennaro a Secondigliano, da qualche giorno è nella storia della pizza napoletana a pieno titolo, diventando l’undicesima pizzeria centenaria di Napoli e lo fa con un trasferimento di sede in spazi più ampi e rinnovati, moderni e funzionali che vedono al lavoro l’ultima generazione. Anche in territorio Acerrano, la mano giovane del pizzaiolo di Taverna Toti realizza pizze di stile napoletano, di “taglia L”, con impasto a lievitazione di circa 20 ore e generose negli ingredienti di condimento, tutti di buona qualità.

La pizza di Taverna Toti

La pizza di Taverna Toti

Luciano Pignataro Wine&Food BlogDa Gennaro a Secondigliano, la pizzeria ultracentenaria cambia sede e diventa bellissima!

Luciano Pignataro Wine&Food BlogTaverna Toti ad Acerra (NA)


partner
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: